Mauro Valentini

Scrittore & Giornalista

A Bologna le calciatrici hanno smesso di sognare

A Bologna le calciatrici hanno smesso di sognare

“Lo squadrone che tremare il mondo fa” trema davanti al calcio femminile?

Il calcio femminile sembra esser all’anno zero della sua storia, felice come è stato l’impatto della nazionale sul mondiale appena concluso e con l’esplosione di un campionato che ha conquistato la visibilità del grande pubblico. Trasmesso dalle piattaforme a pagamento, con grandi Club come Juventus, Fiorentina e Roma che sono scese in campo per contendersi il primato nazionale anche tra le donne.

La nazionale di calcio femminile.

Ma in una città che è vanto mondiale dell’emancipazione, della cultura e dell’uguaglianza e che anzi ne è da sempre bandiera, ecco che mi arriva una lettera da chi tifa per il Bologna femminile e conosce bene cosa sta accadendo.

È una lettera delicata, piena d’amore per la città, per il calcio e per lo sport.

E io ho deciso di pubblicarla, proteggendo l’anonimato della protagonista di questo sfogo.

“Lo squadrone che tremare il mondo fa” c’è scritto sulla maglia da gioco del Bologna. E possibile che questo squadrone non abbia voglia di mettersi in gioco anche con il calcio femminile? Tremi davanti a queste ragazze appassionate?

Ecco la lettera che ricevo e che volentieri pubblico.

“Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’.  E siccome sei molto lontano, più forte ti scriverò.

Da quando sei partito, c’è una grossa novità. L’anno vecchio è finito ormai. Ma qualcosa ancora qui non va”

Con queste parole il Dall’Ara saluta il Bologna ogni domenica al termine della propria partita casalinga. Ma proprio queste parole possono essere utilizzate per descrivere lo stato d’animo di un’altra squadra di Bologna.

Nonostante il successo del Mondiale di calcio femminile conclusosi in Francia appena un mese fa, c’è qualcosa che ancora qui non va appunto. Nonostante l’indiscutibile ascesa che il calcio femminile sta vivendo,  Bologna rimane una delle poche società italiane a non credere in questo movimento.

Eppure una squadra femminile a Bologna c’è, partecipa al campionato di Serie C era in B prima della rivoluzione dei campionati del 2018 e fino all’anno scorso ha lottato per le prime posizioni della sua categoria.

Il Bologna femminile

La collaborazione con il settore maschile è nata da pochi anni ma i reali vantaggi sono davvero pochi: la prima squadra femminile infatti non ha dimora fissa per allenamenti e partite, l’abbigliamento messo a disposizione per il femminile viene recuperato dalle squadre maschili degli anni precedenti (con alcune situazione al limite per taglie e dimensioni) per non parlare delle tutele mediche che non ci crederete ma sono spesso a carico delle giocatrici stesse.

Negli anni la società femminile ha provato con le sue forze a sostenere il movimento a Bologna ma proprio ora che i tempi sembrano maturi per una definitiva svolta (si parla addirittura di professionismo per le donne) la proprietà maschile ha optato per un ridimensionamento in termini di investimenti ed obiettivi sportivi.

A Bologna ci sono tante ragazze che vorrebbero portare avanti la propria passione per rappresentare al meglio i colori rossoblu e per trasmettere a chi vuol venire a giocare in questa città che Bologna è una regola, come canta Luca Carboni.

Purtroppo però questo non gli è permesso, perché a Bologna, per le calciatrici di Bologna, non c’è spazio per poter sognare.

(Letto 1.008 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento