Mauro Valentini

Scrittore & Giornalista

La fortuna di Rudy Guede

La fortuna di Rudy Guede

Sulla scena del crimine le uniche tracce biologiche sono le sue . Eppure…

Da poche ore i giudici hanno concesso la semilibertà all’unico colpevole della morte di Meredith, consentendogli di collaborare con il Centro studi criminologici di Viterbo per alcune ore al giorno rientrando in carcere la sera.

Una pena, la sua, che finirà nel 2024. E che i suoi legali, tre anni fa, avevano addirittura provato senza riuscirci a ribaltare, avendo chiesto la revisione del processo che lo vede unico condannato per il terribile omicidio di Meredith. Una revisione che è stata respinta e che forse, avrebbe potuto riaprire scenari nuovi, sorprendenti. E tutt’altro che scontati.

Meredith

Rudy Guede è stato condannato con rito abbreviato a 16 anni (dopo una prima condanna a 30 anni in primo grado) per omicidio in concorso presupposto con altri. Che non essendo per sentenza definitiva più esser indicati in Amanda e Raffaele, stringerebbero il cerchio di molto.  E proprio attorno a lui, a Guede.

Sulla scena del crimine infatti, le uniche tracce biologiche erano tutte riconducibili al giovane ivoriano, che ha raccontato dal momento dell’arresto fino al processo diverse versioni riguardo a quella notte di Halloween del 2007, ma che di fondo tornano tutte al fatto che lui è arrivato sulla scena soltanto quando ormai Meredith era agonizzante. Ha detto poi  di aver visto due figure fuggire dalla casa, una riconducibile ad Amanda Knox e l’altra ad un “biondino” che per deduzione logica era stato indicato in Raffaele Sollecito, almeno fino all’ultima sentenza della Cassazione che ha invece scagionato entrambi.

Una confusione mediatica e investigativa che però ha pochi punti certi e probanti: Le tracce di Rudy Guede. Che sono evidentissime nel bagno e anche sul corpo della vittima, oltre alle sue impronte lasciate con il sangue di Meredith contro il muro. Questi due elementi soprattutto lo hanno inchiodato come partecipante attivo all’omicidio. Certo è anche che la spiegazione che Guede ha rilasciato proprio riguardo a quell’impronta è stata ritenuta (dalla Corte che lo ha giudicato) al limite del paradossale, avendo affermato di aver tentato di scrivere un nome che la ragazza in fin di vita gli stava dicendo: «ho pensato di scriverlo sul muro utilizzando il sangue di Meredith per paura di dimenticarmene.»

Rudy è un ragazzo fortunato. Lo è perché tracce di Raffaele non ne sono state trovate e anche quella microtraccia sul gancetto di un reggiseno è stata ritenuta non acquisibile, mentre il DNA di Amanda c’è, ma certo è che non può ritenersi una sorpresa dal momento che la ragazza americana divideva quell’appartamento con Meredith.

Amanda e Raffaele

“È evidente la assoluta mancanza di tracce biologiche riferibili a Sollecito a alla Knox nella stanza dell’omicidio e sul corpo della vittima, mentre si rilevano sul luogo del delitto e sul corpo di Meredith numerose tracce riferibili al Guede”. Così recitano le motivazioni di assoluzione dei due accusati, motivazioni che, nel caso ci fosse stata una revisione del processo, avrebbero potuto costituire un elemento di forte accusa verso il richiedente più che di discolpa. E stando a queste tracce evidenti, al racconto di Rudy che la Corte giudicante ha definito: “Contraddittorio e inattendibile” la richiesta avrebbe potuto tramutarsi in un clamoroso boomerag giudiziario, facendo cadere per paradosso quella correità definita nella sentenza e che avrebbe potuto lasciare solo lui, Rudy, quella sera, con la povera Meredith.

Ma la revisione che lui e i suoi legali chiedevano non c’è stata. Allora sì, non c’è che dire: Rudy Guede è un ragazzo fortunato.

Tra poco sarà un uomo libero. Tra pochissimo.

Mauro Valentini

 

(Letto 631 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento