Mauro Valentini

Scrittore & Giornalista

Online Dating Safety and How to Recognize Red Flags

One of the key questions surrounding online dating is whether these platforms lead to long-term relationships. Some 53% of adults under 30 have ever used a dating site or app – including a quarter who have used one in the past year. This compares with 37% of those ages 30 to 49 who have ever tried online dating and smaller shares of those 50 to 64 (20%) and 65 and older (13%) who say the same.

  • “They are being tricked meeting up with people. And once they are getting there, they are actually taking money from them and things like that.”
  • Additionally, male profiles that had a biography received 69 matches while those without received only 16 matches .
  • There are also useful questionnaires that give you insight into your actually any traits and compatibility skills, which can help australia online dating game regardless of really hookup you end up using the most.
  • According to Pew’s survey, 44 percent of online daters say they are looking for a long-term partner, 40 percent are interested in casual dating, 24 percent want casual sex, and 22 percent are just interested in friendship.

Pluralities also believe that whether a couple met online or in person has little effect on the success of their relationship. There are some groups who are particularly wary of the idea of meeting someone through dating platforms.

Tip 2: Build a genuine connection

Dating experts reveal the common blunders singles make with their photos, bios and prompts. Here are the new rules around ending a relationship by Zoom or texts. Furthermore, when describing themselves, people will often present their best selves while leaving out flaws. Some users may even deceptively present inaccurate information on their profile merely to get someone interested in them. Of course, hobbies and sports are always a great way to mingle. Consider joining a sports club or take lessons for an activity you want to start doing. Some people recommend Meet Upas a fun way to find people nearby who are interested in the same activities, whether that’s skating or going to museums or concerts.

The New Happy Has 500k Instagram Followers—Here’s How the Founder Built a Real Community

Once the quiz is completed, you fill out your profile with prompts, photos, and icons to indicate your hobbies and interest. Our tester says the profile took at least 20 minutes to complete, although not all users include the same level of detail on their profiles. Every Thursday, the app comes to life with people near you who also want to meet that day. In the time it takes to order a drink on one date, you’ll be matched with 3 users in your area that match your preferences. As sparks typically fly in just moments, these mini-dates save users time and energy–all from the comfort of your couch. We believe in quality over quantity, and that smart daily recommendations are better for busy people than an unlimited buffet of options. We let you set ultra-specific preferences and only suggest you a few Prospects a day that we think you will actually like.

A few of the best or cheapest competitors reaped significant gains while many former domestic champions or viable competitors lost out. These sites also generate significant levels of inequality, especially for men. One analyst found that“like inequality” for men on Tinderis higher than income inequality in the United States . Ananalyst at Hinge foundthat women’s inequality on that site was roughly equal to the average income inequality for the world’s countries (aGini coefficientof 0.376), similar to Western Europe.

Pure is a perfect match for those who value confidentiality, as profiles are removed every 24 hours. You can also send random pictures that will self-destruct a few seconds after your partner sees them. Even though Tinder claims to cater to all types of dating, everyone knows it’s best for one-night stands. Swipe right to meet people or left to remove them from your view. Priced at the higher $32 to $40 a month depending on age, all the Tinder Gold and Plus benefits are included at this tier.

Online Dating Safety and How to Recognize Red Flags

One of the key questions surrounding online dating is whether these platforms lead to long-term relationships. Some 53% of adults under 30 have ever used a dating site or app – including a quarter who have used one in the past year. This compares with 37% of those ages 30 to 49 who have ever tried online dating and smaller shares of those 50 to 64 (20%) and 65 and older (13%) who say the same.

  • “They are being tricked meeting up with people. And once they are getting there, they are actually taking money from them and things like that.”
  • Additionally, male profiles that had a biography received 69 matches while those without received only 16 matches .
  • There are also useful questionnaires that give you insight into your actually any traits and compatibility skills, which can help australia online dating game regardless of really hookup you end up using the most.
  • According to Pew’s survey, 44 percent of online daters say they are looking for a long-term partner, 40 percent are interested in casual dating, 24 percent want casual sex, and 22 percent are just interested in friendship.

Pluralities also believe that whether a couple met online or in person has little effect on the success of their relationship. There are some groups who are particularly wary of the idea of meeting someone through dating platforms.

Tip 2: Build a genuine connection

Dating experts reveal the common blunders singles make with their photos, bios and prompts. Here are the new rules around ending a relationship by Zoom or texts. Furthermore, when describing themselves, people will often present their best selves while leaving out flaws. Some users may even deceptively present inaccurate information on their profile merely to get someone interested in them. Of course, hobbies and sports are always a great way to mingle. Consider joining a sports club or take lessons for an activity you want to start doing. Some people recommend Meet Upas a fun way to find people nearby who are interested in the same activities, whether that’s skating or going to museums or concerts.

The New Happy Has 500k Instagram Followers—Here’s How the Founder Built a Real Community

Once the quiz is completed, you fill out your profile with prompts, photos, and icons to indicate your hobbies and interest. Our tester says the profile took at least 20 minutes to complete, although not all users include the same level of detail on their profiles. Every Thursday, the app comes to life with people near you who also want to meet that day. In the time it takes to order a drink on one date, you’ll be matched with 3 users in your area that match your preferences. As sparks typically fly in just moments, these mini-dates save users time and energy–all from the comfort of your couch. We believe in quality over quantity, and that smart daily recommendations are better for busy people than an unlimited buffet of options. We let you set ultra-specific preferences and only suggest you a few Prospects a day that we think you will actually like.

A few of the best or cheapest competitors reaped significant gains while many former domestic champions or viable competitors lost out. These sites also generate significant levels of inequality, especially for men. One analyst found that“like inequality” for men on Tinderis higher than income inequality in the United States . Ananalyst at Hinge foundthat women’s inequality on that site was roughly equal to the average income inequality for the world’s countries (aGini coefficientof 0.376), similar to Western Europe.

Pure is a perfect match for those who value confidentiality, as profiles are removed every 24 hours. You can also send random pictures that will self-destruct a few seconds after your partner sees them. Even though Tinder claims to cater to all types of dating, everyone knows it’s best for one-night stands. Swipe right to meet people or left to remove them from your view. Priced at the higher $32 to $40 a month depending on age, all the Tinder Gold and Plus benefits are included at this tier.

27 Best Free Registry Cleaner Programs December

Below are fixes to try when software won’t install in Windows. Version 20H2, called the Windows 10 October 2020 Update, is the most recent update to Windows 10. This is a relatively minor update but does have a few new features. If the Startup type box is set to Disabled, change it to Manual. To fix your Windows 10 update failure and successfully update your operating system, try each of the following fixes in order. If you successfully update Windows 10 after attempting a fix, then you can safely ignore the rest and go back to using your newly updated computer. Jeremy Laukkonen is automotive and tech writer for numerous major trade publications.

  • Quickly scan your Windows registry with comprehensive analysis thanks to our fast, complete and secure scanning engine.
  • The option of switching the default browser is different from the Windows 10 Procedure.

There are a couple of ways you can hide it from your system and disable its access to the internet. This will prevent it from ever launching on your system and prevent it from collecting data and updating itself in the background. You can opt for this workaround until a better way to remove Microsoft Edge from Windows systems is discovered in the future. A window will appear that displays a box with the caption “also clear your browsing data? ” Check this box and select “uninstall.” Reboot your device; Edge will disappear after you restart your computer. Select every appearance of Microsoft Edge beneath each individual file type and select your preferred browser https://windll.com/dll/microsoft-corporation/x3daudio1-36. Now your favorite browser will open those file types by default instead of Edge.

A Look At Details For Dll

If it’s a regular app, pin one of the recent items in the jump list. That’s enough to modify the cache file and send it to the top of the list in File Explorer. We’re going to use Notepad for our example, so we’re just going to right-click it, choose anything on the recent list, and then click the pin button.

  • The only thing I dislike about it is that PDF support isn’t as good as old edge.
  • If your windows system has lots of strange bugs that are due to registry problems you might be better served by re-installing.
  • As of May 2020, Microsoft Edge has a market share of 7.59% across all platforms.

However, if you want to deeply clear recently emerged junk files in Windows, you need to do more. If you want to get rid of the recent file list in File Explorer, you need to open the Edit group policy. Erases installed traces of an application, internet, and system activity. Thanks, it’s difficult to navigate Windows’ three layers of settings. Click on the Date modified header to sort the files by date with the newest at the top.

Revealing Painless Dll Errors Secrets

Thereafter, click the Repair button to remove all selected entries. Since you are about to clean the registry, the results may not be to your liking. Hence, create a restore point before you start using Registry Cleaner. Invariably, if you are hell bent on cleaning up your registry, you would want to know the best products in the market for this. Your enthusiasm for the task is no use if you install a bad program that makes a complete mess of things.

Povera Meredith – 15 anni fa il delitto di Perugia

Un colpevole (ormai libero) e due assolti

È una notte terribile quella tra il primo e il 2 novembre del 2007 per Perugia.

E certo Halloween non c’entra. Da una casa in via della Pergola una donna chiama il 112 impaurita. Qualcuno al telefono le ha detto che ha una bomba nel suo bagno! I Carabinieri arrivano seppur sorpresi, siamo a poche centinaia di metri dalla Fontana Maggiore, cuore medievale della città ma qui sembra già di esser in campagna. Chi può aver mai messo una bomba in un posto come questo. Difatti la bomba non c’è, e intorno alle 22:00 i militari tornano in caserma. Ma la mattina del 2 novembre la stessa donna trova due cellulari a terra sempre nel giardino e consegna subito alla Polizia Postale. Due veloci riscontri e gli agenti capiscono che quei due Nokia sono di proprietà di Meredith Kerscher, studentessa londinese da poche settimane a Perugia per il progetto Erasmus. Anche Meredith vive in via della Pergola, insieme ad altre tre studentesse, due italiane e un’americana di nome Amanda Knox.

Amanda e Raffaele

Quando alle 12:41 gli incaricati della Polizia vanno in via della Pergola trovano Amanda con il suo fidanzato Raffaele Sollecito fuori dalla porta. Hanno chiamato i Carabinieri perché hanno trovato il vetro della finestra rotto, e la camera di una delle inquiline sottosopra. Amanda che ha passato la notte a casa di Raffaele era tornata per farsi la doccia e oltre al trambusto in casa ha visto anche tracce di sangue nel bagno. Raffaele ha chiamato il 112 soprattutto perché la camera della Kerscher è chiusa a chiave e lei non risponde. A quel punto si sfonda la porta e in quella stanza, sotto il piumone che ne cela il corpo, c’è Meredith in un lago di sangue, uccisa. Le indagini puntano i fari subito su Amanda e Raffaele. È il loro comportamento che insospettisce subito gli inquirenti, legato anche alle loro dichiarazioni che diventano subito caotiche.
Un elemento tra i tanti per esempio è quella doccia che Amanda dice di aver fatto nonostante la casa a soqquadro, il sangue in bagno e la porta di Meredith chiusa a chiave. In una ridda di racconti che sconfessano nel giro di poche ore Raffaele e Amanda cambiano versione più volte, fino a che, tre giorni dopo, Amanda indica come assassino di Meredith il proprietario del pub dove saltuariamente Amanda lavora, Patrick Lumumba.

Nel verbale con cui la ragazza americana accusa Lumumba tutto è così poco chiaro ma per gli inquirenti basta ad arrestare lo straniero. Ma non certo a scagionare i due fidanzati. Il gip Claudia Matteini sembra non aver dubbi: l’assassino è Lumunba che è attratto sessualmente da Meredith e ha potuto contare sulla complicità di Amanda e Raffaele per un gioco erotico finito malissimo. Tutto chiaro? No perché Lumumba ha un alibi perfetto e non ci sono tracce sue nella casa, che invece è piena di evidenze per un altro soggetto della Costa d’Avorio, Rudy Guede.

Rudy Guede libero

Di lui ci sono impronte e tante, troppe tracce biologiche, prove inequivocabili della sua presenza attiva sulla scena del crimine. Guede è fuggito nel frattempo in Germania e una volta catturato racconta la sua versione: lui non ha ucciso Meredith, però ammette di esserci stato in quella casa e del resto negare era impossibile, ammette di aver avuto un approccio sessuale ma che poi mentre era in bagno ha udito un grido e sorpreso due giovani in casa che fuggivano. Così, dopo aver scoperto il cadavere di Meredith e aver tentato a suo dire di salvarla scappa perché impaurito. Per Rudy quei due sono Amanda e Raffaele. Che vengono arrestati.

Il processo di primo grado, il 5 dicembre del 2009 condanna Amanda e Raffaele alla pena di 26 e 25 anni di reclusione, per i giudici sono stati loro, insieme a Rudy Guede ad uccidere al termine di un gioco erotico con costrizione sulla povera Meredith. I due procedimenti sono separati in quanto Guede chiede e ottiene il rito abbreviato con condanna definitiva a 16 anni per violenza sessuale e concorso in omicidio. Ma in concorso con chi?

Qui inizia un’altalena di giudizi che travolgerà le vite di Amanda e Raffaele. Gli elementi contro di loro, oltre le dichiarazioni di Guede sono essenzialmente due: Una traccia non completa di DNA in un gancetto del reggiseno di Meredith attribuita dai periti a Sollecito e tracce di solvente e di DNA della Knox in un coltello in casa di Raffaele. Certo, Amanda frequentava la casa del suo fidanzato come Raffaele quella di lei, ma questi furono i punti centrali dei processi.

E gli indizi che assurgono a valore di prova non reggono nel secondo processo davanti la Corte d’Appello che, due anni dopo, il 3 ottobre del 2011, assolve i due imputati dal reato principale per non aver commesso il fatto, condannando la sola Knox a 3 anni, già scontati, per il reato di calunnia contro Lumumba. I due ormai ex fidanzati sono quindi scarcerati, tra le proteste e le minacce. Ci si aspetta dunque che il sipario cali dopo 4 anni di reclusione e di accecamento mediatico per Raffaele e Amanda. Quando escono le motivazioni della sentenza, la frase che più colpisce è quella che indica come probabile esecutore unico Guede, di fatto stravolgendo proprio il processo ormai chiuso sull’ivoriano. Amanda corre il giorno dopo la sentenza a Seattle salutando per sempre l’Italia, perdendosi il colpo di scena che riserva la Corte di Cassazione, che il 26 marzo 2013 annulla la sentenza di assoluzione rimandando il tutto alla Corte d’Assise d’Appello di Firenze. L’alta Corte è durissima con la sentenza che annulla, rilevando illogicità e contraddizioni.

Si ricomincia dunque, tornando al punto di partenza, quelle minime tracce lasciate dai due ragazzi sul luogo del delitto e sul coltello. Raffaele Sollecito dopo un periodo di vacanza a Santo Domingo che aveva fatto presagire ad una fuga rientra per assistere al quarto processo a suo carico, mentre Amanda segue da Seattle. Il 30 gennaio 2014 i giudici di Firenze, condannano Amanda Knox a 28 anni e 6 mesi di reclusione e Raffaele Sollecito a 25 anni, accogliendo le richieste del Procuratore Alessandro Crini. Una sentenza sorprendente nelle motivazioni, ove si fa riferimento ad un teste che vide Amanda e Raffaele lontani dalla villetta nelle ore compatibili con l’omicidio e sul cambio di movente e che si trasforma da sessuale a una semplice lite per le pulizie della casa. Pur restando l’evidenza della contaminazione sessuale di Guede.

Il clima in cui si svolge l’ultimoatto di questa triste vicenda è tesissimo, per le polemiche riguardanti da un lato la lontananza di Amanda dall’Italia e dall’altra la grande discussione sui metodi di rilevazione delle prove, specie quelle infinitesime di Raffaele sul gancetto di Meredith. La sentenza della Suprema Corte arriva il 27 marzo 2015è pronunciata dal giudice Gennaro Marasca dopo 10 ore di camera di consiglio.

Essa assolve dall’accusa di omicidio Sollecito e Knox, “per non aver commesso il fatto”, cancellando il secondo giudizio d’appello con la formula dell’”annullamento senza rinvio” . Secondo i giudici, il «complesso probatorio era fortemente contraddittorio. assurdo sarebbe stato disporre un nuovo dibattimento potendo contare su indizi così labili». Una sentenza forte, pronunciata nel merito e non nella semplice legittimità del procedimento e che sarà destinata per sempre a far discutere.

Mauro Valentini

Emanuela Orlandi – La verità NON sta in cielo

Una trasmissione: Crimini e Criminologia (andata in onda domenica 12 giugno)  completamente dedicata al Caso Orlandi. Uno studio, quello di Cusano TV. Un giornalista, Fabio Camillacci, che conduce e che conosce benissimo tutta la vicenda per arguzia e vicinanza alla famiglia Orlandi e al fratello Pietro.
Pietro Orlandi, simbolo vivente di una battaglia per la verità che manca da troppo tempo.
Pietro Orlandi, che è negli studi ospite di Camillacci, insieme alla sua avvocata Laura Sgrò. Una presenza la loro, che, si comprende dal primo minuto di trasmissione non sarà solo “presenza” e ricordo. No, perché Pietro ha urgenza di narrare ancora. Dopo 39 anni, con la stessa energia e precisione chirurgica. Raccontare l’enorme assurdità di questo intrigo Vaticano che ha portato via quel 22 giugno 1983 sua sorella Emanuela.

L’occasione è data dall’annuncio dell’annuale Sit-in che si terrà mercoledì 22 giugno dalle 18:00 sotto Castel Sant’Angelo, in largo Giovanni XXIII, un incontro dal titolo inequivocabile: “Il Papa deve consegnare la verità alla Giustizia”.
La verità, quella che tutti aspettano da 39 anni: “che potrebbe esser vicina” dice Pietro dai microfoni di Cusano TV.
Ma quali sono questi elementi, che Camillacci definisce senza girarci attorno: “rivelazioni”?

Laura Sgrò spiega: “Papa Francesco a febbraio ha dato riscontro a una mia lettera, concordata con Pietro. Una lettera in cui noi abbiamo indicato uno scenario possibile dopo alcune rivelazioni di personaggi importanti in Vaticano. E Francesco ha risposto scrivendoci in sostanza: condividete con l’ufficio del promotore di Giustizia in Vaticano le informazioni che avete. Noi lo abbiamo fatto subito, ma al momento nessuno ci ha risposto. E sono già passati cinque mesi”.

Laura Sgrò

Occorre dire che il Papa ci ha messo nove anni per rispondere in senso compiuto, e finalmente, dopo quella sua frase sussurrata a Pietro e alla mamma di Emanuela quella mattina quando, appena insediatosi, incrociandoli davanti la chiesa di Santa Marta. “Emanuela sta in cielo” aveva detto. Salvo poi, escludere e divincolarsi da ogni possibile richiesta di chiarimento. Almeno finora.

Già perché ora, la sua risposta e l’invito a procedere, sembra una apertura importantissima. Ma che ancora dopo cinque mesi non ha avuto un seguito. Neanche dopo il sollecito del Papa? Possibile che neanche Francesco abbia il potere di aprire la strada alla verità?

Laura Sgrò non ha nascosto la propria delusione: “Noi abbiamo mandato subito richiesta alla Cancelleria del Tribunale del Vaticano. Subito. Dando disponibilità a un incontro. Ma al momento nessuno ci ha contattato. Il Papa ha detto che è sua volontà che questo avvenga eppure…ancora nulla.”

Fabio Camillacci

Ma quali sono gli elementi a disposizione?
Pietro non vuole fare nomi, ma i nomi li ha. E ha anche elementi importanti e decisivi, che però, dice: “Vorrei farli a loro e verbalizzare il tutto davanti alla Giustizia del Vaticano, così da doverli finalmente costringerli a indagare al loro interno e interrogare le persone che sanno”.
Evidentemente la fonte è di quelle autorevoli. Pietro è sicuro e non si può dubitare certo della sua valutazione e di quella della sua avvocata. Loro conoscono bene gli intricati meandri di quello Stato. Loro sanno quanto forte potrebbero essere certe rivelazioni.

Ma possibile che ci sia qualcuno che non dia riscontro a una volontà del Papa?
Cosa ancora c’è da omettere sul caso? Cosa nascondono, e cosa c’è da nascondere intorno a una vicenda sempre volutamente tenuta sotto silenzio dal Vaticano, ma che evidentemente crea da quel giorno preoccupazione e imbarazzo?

Il centro delle rivelazioni di cui Pietro è venuto a conoscenza, ruotano tutte attorno a quel Cimitero Teutonico e alle tombe che sono state aperte tre anni fa. Sembrava una vicenda poco importante, o meglio, certamente si avevano meno speranze rispetto all’esplorazione della tomba di De Pedis dentro Sant’Apollinaire, ed in effetti così è stata lasciata passare. Ma non secondo le fonti con cui è venuto a contatto Pietro. Persone che evidentemente conoscono molto bene cosa c’è dietro quelle tombe, trovate vuote ma con una intercapedine e una stanza sotterranea realizzata in cemento armato, stanza quindi moderna dato il materiale utilizzato e forse centro esatto di quello che Michel Maritato, presidente di Assotutela e ospite della trasmissione ha definito senza mezzi termini: “l’ombra più oscura tra i misteri italiani”.

Pietro però non ha parlato solo di queste fonti importanti: Pietro è tornato alla dichiarazione del giudice Capaldo. E all’incontro che egli ebbe nel 2012 con alte personalità del Vaticano, quando Papa era Ratzinger. Pietro ha riportato ancora una volta il racconto del giudice, che ebbe la conferma che una soluzione sarebbe stata possibile, e che gli uomini del Vaticano avrebbero potuto far ritrovare il corpo.

“Una ammissione chiara e palese di esser a conoscenza dei fatti. Che però ha portato il Giudice Pignatone, capo della Procura di Roma, a togliere l’inchiesta a Capaldo. E poi subito dopo ad archiviare tutto. E la ciliegina sulla torta è arrivata da poco, quando Pignatone, finito il suo mandato, è stato nominato da Papa Francesco capo del Tribunale del Vaticano. E quindi, ora, per chiedere nuove indagini, dovremo chiedere pensate un po’, nientemeno che a Pignatone!”

Pietro è preciso e duro come sempre: “Io sono sicuro che la verità sta in Vaticano. Io ho visto messaggi e ho letto cose terribili. Che se verbalizzassi poi li costringerebbe a fare azioni inequivocabili.”

La soluzione quindi è nel Cimitero Teutonico?
L’avvocata Sgrò è sicura: “Da quel cimitero non ci dobbiamo spostare. Abbiamo indicato una tomba nello specifico, e su quella occorrerebbe indagare per comprendere se c’è traccia di Emanuela. Sotto quella tomba c’è quella stanza in cemento.  E le fonti che abbiamo, che specifico esser non anonime come qualcuno ha detto, ma solo coperte da segreto, ci portano a credere che siamo finalmente nel posto giusto”.

Laura Sgrò quindi, guardando la telecamera, ha rivolto un appello al Cardinale Re, che era un personaggio apicale negli anni della scomparsa di Emanuela. Ed è uno dei possibili protagonisti ancora in vita. Un cardinale che ha dichiarato addirittura che di Emanuela lui non sa nulla e che quello che sa lo ha ascoltato e letto dalle Tv e dai giornali. Eppure lui, all’epoca era assessore agli affari generali: “Cardinale, è impossibile che lei non sappia nulla. Io sono qui, pronta ad ascoltarla. Ci dica quello che sa.”

Mauro Valentini

LA TRASMISSIONE INTEGRALE :

Ritroviamo Tindaro Bisazza

Ricevo da Agata Bisazza, sorella dello scomparso Tindaro Bisazza, questo appello che volentieri pubblico nell’anniversario della scomparsa.

Il giorno 8 aprile 2013, mio fratello Tindaro era da soli quattro giorni ospite in una struttura riabilitativa, Villa Bianca a Castanea delle Furie, una frazione di Messina, per i suoi problemi di salute.
Alle 4 del mattino esce dalla finestra del bagno e va in un bar della zona dove gli viene offerta la colazione, da quel momento è sparito nel nulla. Nessuno ha visto nulla.

Tanti sono stati gli appelli fatti dalla trasmissione di “Chi l’ha visto?” nelle tv locali, nei giornali s locali, sul Settimanale Giallo, su Cronaca Vera ecc …foto affissi direttamente da me in Sicilia e fino a Foggia, approfittando dei viaggi organizzati per affiggere foto di mio fratello ovunque andassi.
Solo qualche segnalazione che non ha avuto alcun riscontro. La mia paura  è che non continuino a cercalo, che è stato dimenticato in un fascicolo chiuso e messo da parte. Già dall’inizio le ricerche sono andate a rilento perché è stato catalogato, se così si può dire, “allontanamento volontario”, senza tenere conto delle sue condizioni di salute.

Le ricerche sono iniziate dopo circa tre mesi, a seguito del mio incontro con il magistrato del tribunale di Messina a cui è stato assegnato il caso. Sin dall’inizio ho richiesto più volte che venisse fatta una ricerca con i cani anche quelli molecolari, non è mai stata fatta. Mi sono ritrovata da sola a lottare perché mio fratello venisse ritrovato, andando anche alla stazione ferroviaria di Messina per vedere se potesse essere fra quelle persone che dormono sulle banchine. Fino a questo momento non ho avuto più sue notizie. La mia paura è che sia caduto in qualche burrone e che nessuno ha potuto aiutarlo, in quanto quella è una zona boschiva.

Chi ha visto mio fratello, chi ha avuto notizie anche riportate si può rivolgere a me personalmente scrivendomi alla mia email: [email protected] o alla trasmissione Chi l’ha visto? Chiamando il numero 068262 oppure alle forze dell’ordine.

Aiutatemi a trovare mio fratello.

Agata Bisazza

Totti e lo schifo del gossip (e di Dagospia)

Chi difende i figli di Francesco e Ilary?

Ancora una volta Dagospia supera se stessa in vergogna. Ancora una volta però, davanti a questa schifosa messa in piazza di questioni private ai danni di persone pubbliche, tutti dico proprio tutti i colleghi della carta stampata delle TV e dei social media hanno rimbalzato la notizia.
Ma che notizia sarebbe?

Due adulti di 45 e 40 anni che potrebbero aver deciso di chiudere la loro relazione?
Due che si chiamano Totti e Blasi, certo, ma che in casa loro sono papà Francesco e mamma Ilary.
Davvero, amici si fa per dire, colleghi si fa per dire di Dagospia, pensate che tutto si possa metter in piazza così?
Avete notizie di un possibile ritorno nell’organico della Roma di Totti? No.
Avete notizie di una possibile conduzione di Blasi al prossimo Festival di Sanremo? No.

E allora come vi permettete di parlare di una mamma e un papà che pur dando per veritiera la loro crisi stanno cercando di salvaguardare tre ragazzini di 16, 14 e 5 anni? CINQUE ANNI! 
Ma vi rendete conto, giornalistoni senza vergogna di quello che avete fatto?
Ma se qualcuno mettesse sui social le vostre crisi di coppia, le vostre scappatelle presunte con tanto di nomi e cognomi dei “trasgressori” e vostra figlia venisse a chiedervi conto di questo, come vi sentireste?

Chi difende i bambini mentre voi ridete e vi date di gomito parlando di Totti e Blasi?

Con grande amicizia si fa per dire e sincerità ve lo dico così come mi viene: Io ho una tessera di giornalista pubblicista. Non valgo molto. Non sono famoso, non sono un opinionista glamour, mai lo sarò. Ma la mia tessera a fianco la vostra non la metterò mai.

A Cristian, a Chanel e a Isabel, a voi ragazzi, che avete avuto la fortuna di aver due genitori così belli, ricchi e amorevoli, va ora tutta la mia solidarietà.
Perché niente e nessuno può arrogarsi il diritto di metter in piazza questioni così intime riferite a voi bambini.

Perché chi ha rimestato fiele per qualche clic in più sulla vostra mamma e il vostro papà sono proprio giornalisti da niente.
Non sono nessuno.

Mauro Valentini

Ci lascia Donatella Raffai

Ha insegnato a tutti che la televisione può essere al servizio del cittadino

Si è spenta poche ore fa Donatella Raffai, la storica conduttrice di Chi l’ha Visto?

Nata a Fabriano nel 1943, è stata volto amico di trasmissioni sempre di servizio, collaborando anche con Corrado Augias per Telefono Giallo.

Aveva lasciato per scelta e con la sua consueta discrezione la televisione dal 2000.
Chiunque ha scelto di fare il mestiere di raccontare la cronaca e chi si è impegnato nell’aiuto alle famiglie delle persone scomparse deve tanto a lei, che con garbo, amore e con grandissima professionalità ha saputo scavare nei misteri e non far sentire sole le famiglie delle vittime.

Personalmente per me che ho deciso di provare a esser un giornalista proprio attraverso la passione proprio per Telefono Giallo e Chi l’ha Visto, è un giorno di lutto.
Alla famiglia, al marito, ai figli e ai nipoti giunga il mio abbraccio.

Mauro Valentini

 

Marta Russo e quel senso di ingiustizia

Testimonianze a orologeria per condannare e salvare (quasi) tutti

«Per Marta Russo non è stata fatta Giustizia»
(Sandro Provvisionato)

«Giovanni Scattone e Salvatore Ferraro sono manifestamente innocenti.»
(Paolo Mieli)

Si torna a parlare dell’omicidio Marta Russo in TV, occasione data dal docufilm andato in onda giovedì 21 ottobre in prima serata dal titolo: “Marta – Il delitto della Sapienza“, una coproduzione Rai Documentari e Minerva Pictures, prodotta da Gianluca Curti e Santo Versace, per la regia di Simone Manetti, scritto da Emanuele Cava, Gianluca De Martino e Laura Allievi.
Un documentario scritto e diretto benissimo, che scorre su due binari: il primo quello della vita di Marta, pieno di emozioni, dei suoi sogni e dei suoi pensieri, ritrovati dalla sorella Tiziana dentro a diari che Marta aveva scritto negli anni precedenti al suo omicidio. Parallelamente poi si ascoltano i protagonisti del processo che ha visto, dopo cinque gradi di giudizio e mille polemiche, condannati Giovanni Scattone e Salvatore Ferraro per omicidio colposo e per favoreggiamento.

Chi vi scrive, nonostante quella vicenda giudiziaria l’ha seguita, studiata e ci ha scritto un libro e uno spettacolo teatrale, svelando quello che non tornava dopo quei cinque processi che hanno scontentato tutti, ha potuto rivivere con emozione e diciamolo pure, con rabbia certi passaggi di una vicenda che ha portato via la vita di una ragazza piena di speranze e amata da tutti e che ha prodotto uno dei processi più incredibili della pur incredibile storia giudiziaria italiana.

Non voglio elencare quello che palesemente non combacia nelle testimonianze che hanno portato in carcere Scattone e Ferraro, ma ci sono delle evidenze su cui tutti dovrebbero ragionare affinché un processo come quello per la morte di Marta non accada mai più.
A cominciare dai metodi di raccolta delle prove, con test su particelle prodotte da freni a disco scambiate per tracce di sparo, continuando con il metodo di ricerca della dichiarazione da parte degli inquirenti, condito da neanche troppo velate forzature su cui nessuno ha poi colpevolmente agito disciplinarmente, passando per l’abbandono di piste investigative semplici e dirette verso almeno una decina di personaggi che maneggiavano armi all’interno della Sapienza, che secondo la DIGOS erano legati ad associazione eversive e che non si chiamavano né Scattone e né Ferraro.

Quello che mi ha colpito invece sono state le dichiarazioni dell’allora capo della Mobile Nicolò D’Angelo, che nel documentario parlando degli accusati, spiega che da loro ha avuto: “sensazione di mancanza di empatia” verso la vittima, arrogandosi conoscenze psicologiche che non mi risulta abbia e che possono avere dignità in una fiction non nella vita vera. Dove contano le prove, non le sensazioni.

Ho sussultato davanti alle immagini che mostravano il PM Carlo Lasperanza dopo pochi minuti dallo sparo già affacciato alla finestra del bagno di Statistica, dove per le pulizie avevano agito poche ore prima personaggi segnalati con informativa dalla DIGOS proprio come possibili autori dello sparo. Quella stessa finestra indicata dal perito della Corte, il Professor Torre, come il luogo da dove è partito il colpo. Lui, Lasperanza,  era lì, e lui e gli altri dietro di lui, sono invece saliti diversi giorni dopo al primo piano, hanno cercato e non trovato prove nell’Aula 6 e hanno però tralasciato la pista iniziale.

E pensare che poi… due anni dopo quello sparo, viene ucciso il professor D’Antona per mano delle nuove Brigate Rosse. E uno dei componenti del commando è quello che quella mattina, quando Marta viene colpita, ha appena fatto le pulizie proprio lì, nel bagno di Statistica! Che coincidenza vero?

“Le pistole che abbiamo sequestrato ai dipendenti della società di pulizie non erano compatibili con quella che ha sparato a Marta Russo” dice Lasperanza alle telecamere di chi documenta, come se chi avendo sparato e ucciso una ragazza innocente certamente per sbaglio, vedendo che tutte le televisioni e finanche il Presidente della Repubblica alla ricerca della verità, potesse ingenuamente conservare in casa l’arma del delitto.

E poi la video cassetta che viene mostrata durante il processo, con le modalità di interrogatorio della teste chiave, Gabriella Alletto, che viene interrogata con metodi certamente inusuali e addirittura in presenza del cognato ispettore. Gabriella che nei dialoghi ivi registrati si sente dire al cognato:

«Io non ce stavo là dentro Gi’… te lo giuro sulla testa dei miei figli, ha sbagliato la Lipari… Stavo nella quattro… Io sono andata nella stanza quattro per fare un fax, la Lipari mi ha visto lì. Da sola… a fare un fax, che la Lipari lo può di’… io ci ho anche le prove che ho fatto il fax…»

E poi, il 14 giugno, un mese e cinque giorni dopo lo sparo, d’improvviso invece, Gabriella Alletto ricorderà tutto. Inchiodando Scattone e Ferraro al loro destino.

Ci sarebbe un elenco lunghissimo di assurdità da raccontare (e infatti ci ho scritto un libro): dai tabulati sbagliati che confondono i ricordi dell’altra testimone Maria Chiara Lipari, alle pressioni fatte agli testimoni su presunte loro assunzioni irregolari dentro l’università, al ritrovamento mesi dopo, nei bagli del Rettorato,  di una pistola compatibile con quella che ha sparato  ecc…ecc…

Il luogo dell’omicidio

Eppure questo processo, che in condizioni normali non si sarebbe dovuto proprio svolgere e che si sarebbe dovuto fermare dopo la scoperta della videocassetta dell’interrogatorio a Gabriella Alletto, ha comunque prodotto una sentenza. Una sentenza spiazzante, che molti hanno valutato amaramente come il male minore per salvare procura, testimoni e opinione pubblica.

Una sentenza che ha quindi salvato tutti, meno Scattone e Ferraro, condannati a una pena irrisoria dalla Giustizia, ma che ancora scontano, 24 anni dopo i fatti, l’ergastolo del pubblico ludibrio.
Provate se avete ancora dubbi sullo scempio che è stato fatto, ad andare nei luoghi della tragedia.
Mettetevi nella posizione dove Marta è stata colpita. Guardate la finestra del bagno di Statistica, e poi provate a volgere lo sguardo alla finestra dell’Aula 6. Se la riuscite a vedere da quel punto.
Poi, andate dentro il bagno di Statistica e guardate da lì come ho fatto io e come ha fatto subito dopo lo sparo il PM. E se non bastasse, salite al primo piano, a Filosofia del Diritto. Entrate nell’Aula 6, affacciatevi da quella finestra che ora ha un piccolo condizionatore ma che all’epoca ne aveva uno grande un metro per un metro appoggiato sul davanzale. Cercate da lì di vedere se ci riuscite il punto dove Marta stava passando. E provate a immaginare se è possibile che tutto ciò che è stato sentenziato sia vero.

Provateci. Non servirà altro per convincervi.

Mauro Valentini