Mauro Valentini

Scrittore & Giornalista

Totti e lo schifo del gossip (e di Dagospia)

Totti e lo schifo del gossip (e di Dagospia)

Chi difende i figli di Francesco e Ilary?

Ancora una volta Dagospia supera se stessa in vergogna. Ancora una volta però, davanti a questa schifosa messa in piazza di questioni private ai danni di persone pubbliche, tutti dico proprio tutti i colleghi della carta stampata delle TV e dei social media hanno rimbalzato la notizia.
Ma che notizia sarebbe?

Due adulti di 45 e 40 anni che potrebbero aver deciso di chiudere la loro relazione?
Due che si chiamano Totti e Blasi, certo, ma che in casa loro sono papà Francesco e mamma Ilary.
Davvero, amici si fa per dire, colleghi si fa per dire di Dagospia, pensate che tutto si possa metter in piazza così?
Avete notizie di un possibile ritorno nell’organico della Roma di Totti? No.
Avete notizie di una possibile conduzione di Blasi al prossimo Festival di Sanremo? No.

E allora come vi permettete di parlare di una mamma e un papà che pur dando per veritiera la loro crisi stanno cercando di salvaguardare tre ragazzini di 16, 14 e 5 anni? CINQUE ANNI! 
Ma vi rendete conto, giornalistoni senza vergogna di quello che avete fatto?
Ma se qualcuno mettesse sui social le vostre crisi di coppia, le vostre scappatelle presunte con tanto di nomi e cognomi dei “trasgressori” e vostra figlia venisse a chiedervi conto di questo, come vi sentireste?

Chi difende i bambini mentre voi ridete e vi date di gomito parlando di Totti e Blasi?

Con grande amicizia si fa per dire e sincerità ve lo dico così come mi viene: Io ho una tessera di giornalista pubblicista. Non valgo molto. Non sono famoso, non sono un opinionista glamour, mai lo sarò. Ma la mia tessera a fianco la vostra non la metterò mai.

A Cristian, a Chanel e a Isabel, a voi ragazzi, che avete avuto la fortuna di aver due genitori così belli, ricchi e amorevoli, va ora tutta la mia solidarietà.
Perché niente e nessuno può arrogarsi il diritto di metter in piazza questioni così intime riferite a voi bambini.

Perché chi ha rimestato fiele per qualche clic in più sulla vostra mamma e il vostro papà sono proprio giornalisti da niente.
Non sono nessuno.

Mauro Valentini

(Letto 905 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento